martedì 8 ottobre 2013

Shopping compulsivo come forma di gestione dell’ansia


Da recenti sondaggi, il 90% dei soggetti è rappresentato da donne che appartengono a una fascia sociale media, con un’età media di 40 anni. Ma già dall’adolescenza si possono individuare le prime avvisaglie e sintomi della dipendenza da shopping. Cosmetici, capi d’abbigliamento, scarpe e gioielli sono tra gli oggetti preferiti dalle donne, gli uomini invece prediligono accessori tecnologici.
Gli elementi chiave per una lettura psicologica dello shopping compulsivo sono la compulsività degli acquisti come modo di contenimento di una ansia altrimenti indomabile.
Inoltre la sindrome da dipendenza da shopping può essere considerata come un tentativo messo in atto per alleviare uno stato depressivo sottostante di cui il soggetto non sempre è consapevole. Il sollievo che la persona sente dopo lo shopping, va a colmare un vuoto di relazioni, sentimenti e autostima che sta vivendo.
Un altro significativo fattore è costituito dalle ripercussioni sulla vita sociale, lavorativa, familiare e coniugale che la dipendenza da shopping compulsivo causa, oltre alle perdite finanziarie e all’importante portata di stress psicologico, di ansia, di depressione.
Liberarsi dalla dipendenza da shopping si può, come da ogni altra forma di dipendenza, con un trattamento psicologico che tenga sotto controllo i comportamenti problematici e li riduca nel tempo fino a farli scomparire.
http://psicologiaperfamiglia.blogspot.it/2013/11/la-paura-del-nuovo-e-il-bisogno-di.html

Nessun commento:

Posta un commento