mercoledì 9 ottobre 2013

La pipì a letto notturna nei bambini

Foto di Anne Geddes
L’enuresi notturna, o pipì a letto, è un fenomeno abbastanza comune: si verifica almeno una volta al mese nel 10% dei bambini a 6 anni e nel 5% all’età di 10 anni.
L’enuresi si potrebbe considerare “normale” fino all’età in cui il controllo minzionale notturno potrebbe non essere ancora stato acquisito, ovvero fino a 5-6 anni. Questi fenomeni di incontinenza si verificano quando il bambino dorme e ha sonno profondo che lo porta a non controllare lo stimolo. Se si verificano queste situazioni, non è necessario sottoporre il bambino a trattamenti farmacologici. Diversa è la situazione in cui il bambino continua a bagnare il letto dopo gli 8 – 10 anni con una frequenza di almeno due volte a settimana. Di solito si distinguono due tipi di enuresi: primaria quando il bambino non è mai stato asciutto di notte, secondaria quando il bambino, in precedenza abile a trattenere la pipì, inizia a bagnare di nuovo il letto.
Utilissimo fare vedere al bambino come vero e proprio “traguardo” l’alzarsi durante la notte per andare al bagno, un altro consiglio è quello di evitare di dare da bere ai bambini eccessive quantità di liquidi nelle ore serali. Prima di farli andare a letto è sempre bene che i bambini vadano alla toilette, inoltre, nel caso la mattina le lenzuola siano bagnate, bisogna coinvolgere i piccoli, senza dare l’impressione che sia una punizione, nel riassetto e nel cambio delle lenzuola.

Nessun commento:

Posta un commento