venerdì 14 febbraio 2014

Il disturbo oppositivo provocatorio


Il Disturbo Oppositivo Provocatorio (DOP), abbastanza diffuso tra i bambini soprattutto nelle scuole medie, è una patologia neuropsichiatrica dell’età evolutiva, caratterizzata da una modalità ricorrente di comportamento di sfida. 
Questo è un disturbo complesso e difficile da riconoscere, spesso nei bambini infatti si hanno atteggiamenti aggressivi, con sfide costanti e non è sempre semplice distinguere il semplice comportamento dei bambini nella fase in cui vogliono sfidare il genitore per comprendere le conseguenze dei loro comportamenti, e la vera patologia del disturbo oppositivo provocatorio. In età prescolare, infatti, l’aggressività e l’ostilità sono i mezzi attraverso i quali si esprime l’egoismo infantile e servono al bambino per imparare a distinguere il sé dagli altri, a capire le regole sociali ed a sperimentare le prime forme d’adattamento.
La psicopatologia può essere definita il mancato sviluppo di quelle competenze e abilità che normalmente sono presenti in una certa fase dello sviluppo. Nei bimbi con il disturbo oppositivo provocatorio queste caratteristiche
si presentano amplificate tanto da arrivare a compromettere le loro dinamiche relazionali . Non rispettano le regole, hanno eccessi d’ira di fronte ad obblighi e divieti e sono difficili da aiutare.
Tuttavia possiamo aiutarli a migliorare le loro relazioni e il loro atteggiamento. Diviene importante comprendere che non lo fanno per birbanteria o capricci, e non vanno curati o etichettati ma compresi.

I loro comportamenti vogliono allontanarci soltanto in maniera apparente: se ci allontaniamo questi bambini soffrono la solitudine. In alcuni casi la loro ostilità è stata sviluppata da traumi che li hanno portati a diffidare degli altri oppure vogliono attirare le attenzioni perché hanno necessità di comunicare i loro problemi e non conoscono altro canale che l’aggressività. 

Nessun commento:

Posta un commento